Licenziamenti per finta malattia, il certificato non basta!

Il certificato medico non è sufficiente ad attestare l’esistenza della malattia del lavoratore, quando esistono degli elementi oggettivi, che ne provocano l’inesistenza della patologia denunciata dal dipendente come pretesto per astenersi dal lavoro.

La Corte di cassazione ritorna su questa delicata questione con la sentenza n. 17113 ( depositata il 16 Agosto 2016), di seguito riportata, specificando che i datori di lavoro possono contestare i certificati medici prodotti dai lavoratori non solo con ulteriori accertamenti medici ma anche con elementi di fatto.

La vicenda al vaglio dei giudici riguarda un lavoratore licenziato per “simulazione fraudolenta dello stato di malattia”, testimoniata dal lavoratore stesso, che aveva compiuto numerose azioni e movimenti incompatibili con la patologia dichiarata: lombalgia.

Il lavoratore ha impugnato il recesso, lamentando la violazione di alcuni articoli dello statuto dei lavoratori, in quanto il datore di lavoro ha usufruito di un’agenzia investigativa per verificare l’attendibilità della certificazione medica inviata al lavoratore.

Per la Corte sotto tale aspetto non c’è nulla da contestare: la certificazione perde di validità se sussistono elementi idonei a dimostrare che la malattia non esiste o comunque si trova in contrasto con il regolare svolgimento della prestazione lavorativa.

Con l’occasione, la Corte, ha ricordato, che i datori di lavoro possono legittimamente investigare, anche usufruendo di agenzie investigative, sulle condotte dei propri lavoratori in contrasto allo svolgimento dell’attività lavorativa. Inoltre, la Corte precisa che a tali agenzie è vietata la vigilanza durante l’attività lavorativa, spettando questa unicamente al datore di lavoro e collaboratori, chiarisce però che l’intervento in questione resta giustificato.

La sentenza, in questione, si riferisce a un lavoratore privato ma le considerazioni della Corte possono riguardare anche il lavoro pubblico.

CORTE CASS. Sent. 17113-16

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*